Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazionicookies
Skip to main content

Arte/Storia

Fano Romana

ARCO DI AUGUSTO

La visita alla Fano Romana non può che iniziare dall'Arco d'Augusto.
Da sempre simbolo della città di Fano, fu in epoca romana la principale porta d'accesso alla Colonia Julia Fanestris, dedotta dall'Imperatore Augusto sul sito di un abitato sviluppatosi attorno al repubblicano Fanum Fortunae (tempio dedicato alla Dea Fortuna).
Costruito sul punto in cui la Via Flaminia si innesta nel Decumano Massimo della città, il monumento si data, tramite l'iscrizione del fregio, al 9 d.C.
Realizzata esternamente in blocchi squadrati di pietra calcarea proveniente da cave del Monte Nerone, la Porta si articola in due fornici laterali minori e un fornice centrale maggiore: la chiave di volta di quest'ultimo è decorata con una rappresentazione di animale oggi non più riconoscibile.
Le pietre provenienti dall'attico, demolito dal Duca di Urbino Federico da Montefeltro nel 1463, furono reimpiegate nella costruzione della adiacente chiesa di San Michele.

MURA AUGUSTEE

Proseguendo il nostro cammino verso nord incontriamo le Mura Augustee.
Volute dall'Imperatore Augusto nel grandioso progetto di monumentalizzazione della città e completate nel 9 d.C., le mura si conservano ancora oggi per circa i due terzi del circuito originario.
La cortina muraria, sottratta alla demolizione negli anni Venti del secolo scorso, è realizzata in conci di pietra arenaria disposti a filari orizzontali (opus vittatum) con un riempimento interno di malta e scaglie di lavorazione ed è intervallata a spazi regolari da torri cilindriche.
Oltre alla ben nota Porta d'Augusto, nelle mura si inserisce una porta secondaria detta la "Porta della Mandria", utile allo scorrimento del traffico in uscita dalle mura verso nord.

AREA ARCHEOLOGICA DI SANT'AGOSTINO

Di grande suggestione sono le imponenti strutture murarie rinvenute sotto la Chiesa e il Convento di Sant'Agostino che hanno stimolato per secoli la fantasia e suscitato l'interesse di studiosi ed appassionati.
Identificati alternativamente con la Basilica progettata dall'architetto Vitruvio e descritta nel "De Architectura" o con quel Fanum Fortunae che diede il nome alla città, i resti si articolano in un lungo muro a blocchetti di pietra intervallato da pilastri e finestre, piccole arcate disposte a ventaglio, una parete con abside, colonne e canalette di scolo.

MUSEO CIVICO SEZ. ARCHEOLOGICA

Allestita al piano terra del Palazzo Malatestiano, la Sezione Archeologica ospita reperti di varie epoche rinvenuti a Fano e nel suo territorio già nei secoli passati.
Sotto il Portico quattrocentesco della Corte Malatestiana è stato anche ricomposto il cosiddetto mosaico della pantera (databile alla metà del II sec. d.C.).
All'interno sono presenti vetrine che custodiscono reperti preistorici, piceni e greci. Altre vetrine accolgono reperti di epoca romana (ampolle, lacrimatoi, una collezione di lucerne, frammenti di vetri, terrecotte votive, idoletti, spille, anelli ed altro ancora) di varia e non sempre documentata provenienza.
Particolarmente degni di nota il famoso cippo graccano che testimonia l'avvenuta applicazione della Lex Sempronia (133 a.C.) anche nel territorio fanese, una statuetta di giovinetto con toga praetexta, bulla e calzari, la grande statua mutila raffigurante l'imperatore Claudio, alcune teste in pietra e in marmo, fra le quali una splendida testa muliebre con pettinatura all'Ottavia (fine sec. I a.C.), frammenti architettonici e scultorei vari, anfore, tessere di pavimenti in cotto e l'emblema centrale del cosiddetto mosaico del Nettuno con l'immagine del dio ritto su quadriga tirata da ippocampi (fine II e primi del III sec. d.C.).

Fano Medioevale

PORTA MAGGIORE E BASTIONE DEL NUTI

Realizzata ai tempi dell'ampliamento della città nel 1227, Porta Maggiore sostenne nel tempo numerosi interventi di rifacimento: subito l'assalto delle truppe guidate dal duca Federico da Montefeltro nel 1463, nella seconda metà del XV secolo la Porta venne interamente ristrutturata dietro progetto dell'architetto Matteo Nuti.
Attualmente, dopo gli interventi del primo Novecento, il monumentale ingresso si presenta con due accessi (carraio e pedonale), i tagli per i bolzoni e la merlatura. L'interno è a cielo aperto ma si vedono le tracce di una camera di manovra superiore e nei lati verso la muraglia le cannoniere per il fiancheggiamento.
Tagliato in epoca fascista per consentire un ingresso monumentale alla città, il Bastione del Nuti (così detto dal nome dell'architetto), basso, con una forte scarpata e un terrapieno all'interno, costituiva il nucleo difensivo che affiancava la Porta.
Nell'angolo occidentale un torrione poligonale di rinforzo dello spigolo si raccordava con le antiche mura romane.
Lo spazio interno di quest'opera difensiva venne adibito sin dagli anni Trenta del Novecento a pubblici giardini.

DUOMO

Ubicata lungo Via Arco d'Augusto, la Chiesa cattedrale dedicata all'Assunta, ricostruita nel 1140 dopo che un incendio aveva distrutto la precedente costruzione, ha una facciata tipicamente romanica tripartita a struttura mista di laterizi e arenaria arricchita da un portale strombato.
Il campanile sul lato sinistro fu costruito in luogo dell'originale torre campanaria cilindrica.

Nell'interno, a tre navate con l'aggiunta di cappelle laterali realizzate a partire dal XIV secolo, sono degni di attenzione: un pulpito realizzato con sculture appartenute all'antica Chiesa, tra cui rilievi romanici rappresentanti episodi dell'infanzia di Cristo, e la seicentesca Cappella Nolfi che fu affrescata con "Le Storie della Vergine" da Domenico Zampieri detto il Domenichino tra 1618 e 1619.
Nella Cappella dei Santi Protettori e sull'Altare Maggiore si possono rispettivamente ammirare due tele: "La Vergine con i Santi Orso ed Eusebio" di Ludovico Carracci e "La Vergine Assunta" di Sebastiano Ceccarini.

TOMBE MALATESTIANE

Spostate nel Seicento dall'interno della chiesa di San Francesco, prescelta dai Malatesta per ospitare le proprie sepolture, le Tombe occupano oggi il sottoportico della chiesa stessa.
Un autentico capolavoro di scultura tardogotica, opera dello scultore veneziano Filippo di Domenico, è la monumentale Tomba di Paola Bianca, prima moglie di Pandolfo III Malatesta, situata a sinistra del Portale. Un ricchissimo apparato scultoreo fa da corona alla bella immagine della defunta, stesa sul coperchio del sarcofago.

 

Nel 1460 Sigismondo Pandolfo fece erigere, su disegno attribuito a Leon Battista Alberti, la tomba rinascimentale destinata ad ospitare la salma del padre Pandolfo III. Posizionata a destra del Portale, su di un alto basamento di pietra arenaria, l'arca di granito rosa e nero ha restituito nel 1995 il corpo mummificato di Pandolfo.
Sul lato minore della Loggia malatestiana, sostenuto da tre mensole, è il più modesto sarcofago di Bonetto da Castelfranco, fedele medico di Sigismondo. La tomba si data alla prima metà del XV secolo.

PALAZZO DEL PODESTA'

Situato sul lato settentrionale di Piazza XX Settembre, l'edificio noto anche come Palazzo della Ragione, fu costruito nel 1299 quando il difficile periodo delle competizioni delle famiglie locali esigeva la presenza di un Podestà.
Mutato sia nell'aspetto esteriore che nell'uso dei locali interni nel corso dei secoli, il Palazzo si presenta con un portico di pietra viva di cinque arcate a pieno sesto. Al di sopra la facciata in laterizi è interrotta da quattro grandi quadrifore.
Al centro dell'edificio è riprodotto in tre nicchie il trittico dei Protettori della città: San Paterniano al centro, San Fortunato e S. Eusebio ai lati.
All'interno del maestoso edificio si trova oggi il neoclassico Teatro della Fortuna, edificato tra 1845 e 1863 da Luigi Poletti in sostituzione di quello seicentesco del fanese Giacomo Torelli.

PALAZZO MALATESTIANO

Attraverso il monumentale Arco Borgia-Cybo, dal Palazzo del Podestà si passa all'androne che conduce alla Corte Malatestiana.
La parte più antica della residenza, quella sul lato sud-occidentale, nacque dopo il 1357 quando Galeotto Malatesta divenne Signore di Fano. Su questo lato si trovano oggi gli uffici della Cassa di Risparmio di Fano.
Il vero e proprio Palazzo Malatestiano, cioè il corpo di fabbrica sul lato nord-orientale, fu fatto erigere da Pandolfo III Malatesta tra il 1413 e il 1421. Ampiamente restaurato nel 1929, conserva ancora le bellissime bifore gotiche in cotto lavorato presenti sia sul fronte che si affaccia sulla Corte che su quello posteriore. Lo scalone e la Loggia furono ricostruiti nel 1544.
Nei locali interni trovano oggi sede il Museo Archeologico e Pinacoteca del Palazzo Malatestiano.

ROCCA MALATESTIANA

La Rocca Malatestiana sorge all'estremità nord-orientale dell'antica cinta murata ed aveva al suo vertice angolare una severa imponente torre di vedetta, il Mastio, vittima delle barbarie degli uomini in guerra (1944).

Alle massicce fondamenta della superstite base scarpata si riallaccia oggi quanto resta dell'antico camminamento merlato che corrisponde verso l'interno all'area occupata dalla cosiddetta Rocchetta; certamente la parte più antica del fortilizio, sorta sui resti di opere di difesa romane e medioevali e forse precedente all'intervento edificatorio iniziato nel 1438 per volere di Sigismondo Malatesta che ne curò molto probabilmente anche la progettazione con la collaborazione dell'architetto Matteo Nuti. Intervento che si concluse nel 1452 con l'erezione del ricordato Mastio: ideale avamposto per la sorveglianza costiera e, all'occorrenza, anche faro per guidare la rotta del naviglio fanese e malatestiano che aveva i suoi approdi muniti di “palate” proprio sotto il fortilizio .

La costruzione subì poi, in relazione al mutare delle esigenze difensive e degli eventi storici, adattamenti e modificazioni, mantenendo peraltro nel suo complesso la fisionomia originaria di ampio rettangolo fortificato, delimitato da cortine scarpate con robusti torrioni angolari.

Un doppio ponte levatoio munito di rivellino permetteva di superare il fossato e di accedere all'interno, là dove è oggi il doppio ponte in muratura che dall'alberato piazzale Malatesta raggiunge l'atrio, che sfocia nel vasto cortile a prato, delimitato dal muro di sostegno dei camminamenti e dal basso fabbricato che sul lato orientale ospita le vecchie celle e la piccola cappella. In origine terrazzato, quest'ultimo fu più tardi sopraelevato e coperto a tetto per ospitare una capiente stalla a cui si accedeva tramite la caratteristica rampa a mattoni posta sulla destra dell'ingresso: un ambiente oggi utilizzato per esposizioni e mostre d'arte.

Nel sottosuolo gallerie e passaggi segreti mettevano in comunicazione la rocca con la città e l'esterno, ma oggi tale rete di comunicazioni è del tutto impraticabile, né esistono rilievi che ne permettano l'esplorazione.

Attualmente, in seguito ad interventi di restauro, il cortile a prato della Rocca, nel periodo estivo accoglie eventi e spettacoli di grande portata ospitando fino a 800 posti.

Fano rinascimentale

CHIESA DI SANTA MARIA NUOVA

Acquisita nel 1519 dai Frati Minori Osservanti che vi si trasferirono dall'antico convento extraurbano di San Lazzaro, la vecchia Chiesa di S. Salvatore venne riconsacrata nel 1557 come S. Maria Nuova. Il portale a candeliere, proveniente dal vecchio edificio, è opera di Bernardino di Pietro da Carona. Il portico a tre arcate fu probabilmente realizzato dallo scalpellino Giovanni Bosso. All'interno, a navata unica di stile tardobarocco, si conservano pregevoli dipinti: la "Visitazione" di Giovanni Santi, la "Annunciazione" e la "Madonna con Bambino e Santi" di Pietro Perugino. La predella con le "Storie della Vergine" di quest'ultima pala è attribuita da alcuni studiosi al giovane Raffaello Sanzio.
Si può inoltre ammirare il pregevole coro ligneo intarsiato e intagliato realizzato alla fine del XV secolo.

CHIESA E CHIOSTRO DI SAN PATERNIANO

Il complesso conventuale, attribuito senza fondamenti a Jacopo Sansovino, venne eretto a metà del XVI secolo. Dedicata al Patrono della città, la Chiesa fu consacrata nel 1558. L'esterno, mai ultimato, è arricchito dal Portale di derivazione michelangiolesca dello scalpellino veneziano Jacopo Bambagiani. Nell'interno a tre navate si possono ammirare dipinti di Alessandro Tiarini, Carlo Bonone, Giambattista Ragazzini, Claudio Ridolfi, il Cavalier d'Arpino, Gian Giacomo Pandolfi e Bartolomeo Giangolini. La Cappella sulla destra del presbiterio, dove si custodiscono le ossa del Santo e l'antico sarcofago tardo-romano in cui sono state racchiuse per secoli, è affrescata da Antonio Viviani; nella cupoletta dell'anticappella un ulteriore affresco di Sebastiano Ceccarini. Giovanni Battista Ragazzini eseguì nel 1556 l'affresco della cupola e del catino absidale.

È addossato al lato sinistro della Chiesa un Chiostro con ventiquattro colonne corinzie eseguite dal milanese Giovanni Bosso. Il puteale al centro è opera del veneziano Jacopo Bambagiani.

BASTIONE SANGALLO

Raggiungendo la strada che percorre l'antico camminamento delle antiche mura malatestiane e, deviando sulla destra, si raggiunge il piazzale della scomparsa Porta Marina. Poco più avanti ha inizio il tratto scarpato delle mura pontifice che, affiancando il tracciato in discesa di Via Cavallotti, va ad allacciarsi al poderoso Bastione del Sangallo, il grande baluardo angolare, così denominato perché progettato nel 1532 da Antonio da Sangallo per proteggere la costa e la città dai temuti sbarchi dei corsari saraceni e portato a termine da Luca da Sangallo nel 1552. Un grande stemma pontificio posto al sommo dello sperone reca l'arma di Papa Giulio III, mentre la scritta ricorda l'anno giubilare 1550.

CHIESA E LOGGIA SAN MICHELE

La costruzione della chiesa (oggi sconsacrata) fu iniziata nel 1494 e portata a termine in un decennio circa ad opera di maestranze di origine comacina. Lo stupendo portale a candeliere, scolpito da Bernardino di Pietro da Corona, è però un poco più tardo, essendo stato realizzato nel biennio 1511-1512. I due medaglioni dell'estradosso raffigurano l'Imperatore Massimiliano I d'Asburgo e Papa Giulio II: programmatica stretta di mano fra potere temporale e potere spirituale sotto le bilance della Divina Giustizia, protette dalla spada dell'Arcangelo Michele e benedette dalla destra di Dio Padre, fra la Vergine Maria in devoto raccoglimento e l'Arcangelo Gabriele annunziante. Va segnalato che il blocco di pietra in cui risulta scolpita l'immagine di San Michele presenta sul fianco sinistro non visibile un'iscrizione romana dedicata al procuratore Sextus Truttedius Clemens: ciò ne denuncia la provenienza da un antico monumento romano, non diversamente dalla ricordata scritta AVGVSTO che campeggia a fianco del portale. Sul lato opposto è invece la riproduzione ad altorilievo, pure già ricordata, della porta augustea: testimonianza oltremodo significativa del culto umanistico per la romanità, voluta dalla Congregazione di San Michele. Va precisato che, come si presenta oggi, la facciata della chiesa è il frutto di una ricomposizione in arretramento realizzata nel 1936-37. Prima di questa data, infatti, il fabbricato si spingeva in avanti fino ad occultare metà del fornice minore di destra della porta augustea. Anteriore di un ventennio circa alla costruzione della chiesa è quella dell'edificio della Schola o Congregazione di San Michele, eretto per ospitare il conservatorio degli esposti, iniziato nel 1469 e ultimato intorno al 1490.

Per la bella loggia rinascimentale che, al di là dell'arco, ne caratterizza l'ingresso è documentato che nel 1475 fu richiesta e concessa l'autorizzazione ad utilizzare le pietre dell'attico romano abbattuto durante l'assedio del 1463; ma le attuali colonne in pietra che sostengono le arcate del piano inferiore sembra siano il frutto di un più tardo rifacimento, opera dello scalpellino Giovanni Bosso che nel 1543 provvide anche a fornire le otto colonne di ordine jonico del piccolo chiostrino interno. Della costruzione originaria potrebbero avere invece fatto parte le colonnette poligonali della loggetta del piano superiore, poste a sostegno della caratteristica copertura architravata a mensole di legno alla maniera toscana e veneta.

Le analoghe colonnette del chiostrino interno sono invece un'imitazione moderna, essendo state messe in opera dall'architetto Alberto Calza Bini quando nel 1925-26 ebbe l'incarico di ripristinare l'antico edificio: ciò che fece con fine sensbilità, ma anche con estrema libertà dovendone ricavare la sede dell'ex Congregazione di Carità.

PALAZZO MARTINOZZI

Lo fece erigere dalla fondamenta il nobile Francesco Martinozzi a partire dal 1564, anno in cui gli fu concessa l'autorizzazione ad abbattere l'antica chiesa di San Maurizio per utilizzarne l'area. Della chiesa abbattuta restano tuttora tracce evidenti sulla parete esterna che delimita lungo via Arco d'Augusto il fianco settentrionale del palazzo. Qui infatti la costruzione non risulta essere stata eretta ex novo, ma utilizzando parte delle murature preesistenti, tamponandone le aperture (fra queste una monofora tribolata e una stretta apertura ad arco acuto simile alla cosiddetta "porta del morto") e conservando incastonata un'interessante croce romanica in pietra. Più avanti, a delimitare lo spigolo posteriore di nordest, sopravvive la zona inferiore (quella superiore è solo un rifacimento moderno) di un'antica casa-torre medioevale. Una pura e semplice ipotesi che non trova alcun riscontro nei documenti è l'attribuzione del disegno della bella facciata a Jacopo Sansovino: facciata che solo nel 1937 ha potuto emergere in tutta la sua severa monumentalità in seguito all'apertura del piazzale degli Avveduti. Ai lati stanno le robuste fasce verticali dei due spigoli a bugnato, raccordate a metà dalla ben evidenziata fascia marcapiano, orizzontalmente tesa a suddividere la zona inferiore da quella superiore, conclusa questa dal raffinato cornicione a mensole binate.

Al centro della zona inferiore domina il bel portale, caratterizzato dal motivo squisitamente rinascimentale dell'incorniciatura a punte di diamante e dalle strette paraste scanalate. Il tutto in pietra arenaria, come le altre parti ornamentali simmetricamente distribuite: dalle incorniciature delle nove grandi finestre con timpani triangolari e arcuati, ai cinque caratteristici finestrotti ad apertura ottogona del sottotetto.

Attraverso il nudo androne voltato a botte si accede al portico che caratterizza il lato d'ingresso del raccolto cortile con due pilastri cruciformi che fanno da sostegno alle arcate delle tre campate a crociera. Tutto il resto risulta purtroppo rifatto in seguito ai danni recati al fabbricato dai bombardamenti del 1944. Degli ambienti interni solo parte di quelli della zona anteriore conservano le originarie volte a padiglione o a crociera e bei portaletti in pietra. Ben conservati sono invece i locali sotterranei, caratterizzati da robuste volte a mattoni e con accesso separato da via Arco d'Augusto. L'iscrizione posta sulla facciata ricorda che della nobile famiglia Martinozzi fece parte quella Laura (figlia del conte Girolamo e di Margherita Mazzarino sorella del celebre cardinale) che, andata sposa al duca Alfonso d 'Este nel 1655, diede i natali a Beatrice, consorte di Giacomo II Stuart re d'Inghilterra.

Fano barocca

CHIESA DI SAN PIETRO IN VALLE

Iniziata nel 1610 dal napoletano Giovanni Battista Cavagna e inaugurata nel 1616, la Chiesa di San Pietro in Valle è oggi uno degli edifici barocchi più belli della nostra regione. Ubicato lungo via G.Nolfi, mostra una facciata estremamente semplice realizzata in laterizi.

L'interno, ad un'unica navata con cappelle laterali e cupola, si caratterizza invece per una ricca decorazione plastica e pittorica: Nel 1619 venne realizzata da Pietro Solari la decorazione in stucco e tra 1618 e 1620 vennero eseguiti gli affreschi da Antonio Viviani da Urbino. La fastosa decorazione della cupola, che si data agli anni 1699-1700, è opera dal bolognese Lauro Buonaguardia. Una ricca collezione di tele, oggi conservate presso la Pinacoteca Civica, impreziosiva l'intero complesso: sono dipinti di Antonio Viviani, Guido Reni, Alessandro Vitali, Giovan Giacomo Pandolfi, Simone Cantarini, Matteo Loves, Luigi Garzi, Lorenzo Garbieri, Giovanni Francesco Guerrieri, Sebastiano Ceccarini e Carlo Magini.

PALAZZO MONTEVECCHIO

Per dimensioni e imponenza è il maggiore dei palazzi patrizi fanesi, appartenuto fino alla prima metà del nostro secolo alla famiglia dei conti di Montevecchio che ne avevano curato l'erezione a partire dal 1740. Rimasto incompiuto lungo il fianco orientale, oggi discutibilmente integrato, il suo disegno è stato attribuito senza prova alcuna a Luigi Vanvitelli. In fase di realizzazione è invece documentata la partecipazione del bolognese Alfonso Torreggiani come quella del marchigiano Arcangelo Vici: ciò che risulta stilisticamente evidente anche dal prevalere di una forte componente scenografica, quasi trasposizione in pietra di fantasie bibienesche. Al Torreggiani è da attribuirsi soprattutto la soluzione della parte centrale della facciata con il grande portale barocco in pietra, fiancheggiato dalle robuste colonne tuscaniche che, obliquamente disposte, reggono la bella balaustra arcuata del balcone a cui si raccorda il motivo ascendente che dal finestrone mediano raggiunge le mensole del raffinato balconcino al centro del piano superiore. Degno di nota è anche il grande atrio a colonne, aperto sullo sfondo monumentale della fontana parietale con statua di Nettuno, incombente all'interno dell'elegante vano ellittico che integra e conclude l'area del severo cortile centrale.

L'ambiente più spettacolare resta peraltro il grande scalone con quel suo ascendere scenografico a larghi gradini, tutto scorci e prospettive, nicchie, colonne e pilastri nella prima parte; aperto e disteso nel luminoso vano a volta della seconda parte, arricchita dalla schiera ascendente delle otto statue marmoree che pausano e impreziosiscono l'elegante balaustra a pilastrini. In altri tempi un capace salone con balconata perimetrale accoglieva gli ospiti intimiditi e affascinati, facendo da anticamera alle varie sale e salotti del piano nobile.  L'appartamento del lato occidentale presenta alcune sale con volte dipinte a grottesche.

FONTANA DELLA FORTUNA

Piazza XX settembre é l'antica platea magna del basso medioevo su cui si affaccia imponente il trecentesco Palazzo del Podestà (ora nel mutato ruolo di facciata del Teatro della Fortuna) con la ricostruita Torre Civica. Le sue funzioni sono sempre state quelle di spazio destinato alle cerimonie civili e al mercato: ciò di cui sono testimonianza i numerosi esercizi commerciali che sostituiscono oggi le botteghe degli antichi merciai. Sul lato occidentale, quello che fiancheggia il corso Matteotti, sta la Fontana della Fortuna dall'ampio caratteristico bacino mistilineo a marmi colorati, interamente rinnovato (coppa centrale e leoni compresi) nel 1697-99 dal veneziano Ludovico Torresini. La graziosa statuetta bronzea della Dea Fortuna è una copia fedele dell'originale (oggi presso il Museo Civico) modellato e fuso nel 1593 dall'urbinate Donnino Ambrosi per abbellire il primitivo bacino ottagonale della vecchia fontana realizzata nel 1576. È considerata simbolo civico e richiama nella sua manieristica eleganza modelli scultorei giambologneschi.

CAPPELLA NOLFI

La fastosa Cappella Nolfi fu così denominata dai patrizi fanesi Guido e Cesare Nolfi, che dopo il 1604 la fecero interamente trasformare con la collaborazione di artisti vari, compreso l'architetto Girolamo Rainaldi, che diede il disegno per la ricca decorazione plastica della volta e delle pareti laterali (realizzate dallo stuccatore Pietro Solari) nei cui riquadri Domenico Zampieri (il Domenichino) affrescò tra il 1618 e 1619 i sedici bellissimi episodi della Vita della Vergine.

Dell'anconetano Andrea Lilli è invece la grande tela raffigurante Il paradiso e l'Assunta (intorno al 1606) posta sulla parete dell'altare, mentre dello sculture Francesco Caporale sono i busti dei due Nolfi collocati sui rispettivi munumenti funebri. Altra importante opera pittorica è la bella tela con la Vergine in Gloria e i Santi vescovi comprotettori Orso ed Eusebio di Ludovico Carracci (1613), posta sull'altare della cappella a destra del prebisterio e affiancata dalle immagini di S. Antonio Abate e San Francesco del fanesse Bartolomeo Giangiolini che del Carracci fu allievo.

Musei

MUSEO DELLA VIA FLAMINIA - COMPLESSO MONUMENTALE SAN MICHELE

Il Museo della Flamina di prossima inaugurazione nella chiesa di san MIchele Arcangelo, contigua all'arco di Augusto, è il centro di orientamento, la "porta di accesso" virtuale al territorio che insiste sul tracciato marchigiano dell'antica via consolare romana. Il museo costituisce uno degli output importanti del progetto di Distretto Culturale Evoluto Flaminia Nextone, che ambisce a realizzare un sistema di servizi e funzioni integrati per la promozione e la fruizione del terriotrio. Il Museo racconta la storia della via Flaminia quale segno di appartenenza di questa comunità territoriale. E' dotato di supporti e apparati multimediali di elevata tecnologia realizzati dall'Università Politecnica delle Marche che restituiscono informazioni storico-artistiche, immagini sorprendenti e esperienze immersive. Un nuovissimo sistema di “Museum Visitors Behavior Analysis” monitorerà i flussi di visitatori: sia in termini quantitativi (quante persone entrano) che relativamente alle proprie abitudini di visita (cosa fanno e cosa apprezzano dentro il museo).

MUSEO ARCHEOLOGICO E PINACOTECA DEL PALAZZO MALATESTIANO

Le raccolte civiche di Fano sono conservate all’interno del monumentale Palazzo Malatestiano, voluto da Pandolfo III Malatesti, ed edificato nella prima metà del Quattrocento. Si accede alla struttura da Piazza XX Settembre, attraversando l’antico Arco Borgia-Cybo ed oltrepassando l’androne. Prima di proseguire lungo lo scalone, l’occhio è rapito dalla bellezza della prospiciente Corte Malatestiana .

Il percorso di visita si articola attraverso sedici ambienti, ed è suddiviso in quattro aree principali: la Sezione Archeologica, la Sezione delle Ceramiche e quella della Numismatica, la Sala del Caminetto, la Sala Grande, i due piccoli ambienti della Sala del Lavabo e la cosiddetta Sala Morganti, queste ultime destinate alla Pinacoteca .

Il Museo documenta quindi un vasto arco cronologico: dai reperti preistorici e protostorici della zona di Fano al periodo romano di Fanum Fortunae, dalla pregevole collezione di pitture di scuola locale, veneta, bolognese e romana del XV, XVI e XVII sec., fino all’arte contemporanea.
Il nucleo originario delle collezioni risale al XVIII secolo ed è costituito dai reperti archeologici provenienti da ritrovamenti avvenuti nella città e nel territorio, dalle opere provenienti dalle chiese del territorio, acquisite in seguito alla soppressione di corporazioni ed enti ecclesiastici, alle quali si aggiunsero nel tempo lasciti e donazioni.

PINACOTECA DI SAN DOMENICO

Di proprietà della Fondazione Carifano, l'ex chiesa di San Domenico è stata destinata a pinacoteca d’arte sacra. L'edificio subì diverse modifiche nel corso dei secoli e il risultato ora è un unico edificio che contiene: la chiesa medioevale, gli altari tardo-barocchi e l’innovazione settecentesca di Gasparoli.

La Pinacoteca ospita la celeberrima pala d’altare del Guercino lo “Sposalizio della Vergine”, tele di Simone Cantarini e Sebastiano Ceccarini, Simone de Magistris, Giovan Francesco Guerrieri, Federico Barocci, Palma il Giovane, Federico Zuccari e di altri importanti pittori del XVII sec.

Il restauro, inoltre, ha riportato alla luce affreschi trecenteschi e quattrocenteschi.  Dietro un altare barocco è stato ritrovato un bellissimo affresco suddiviso in quadri di chiaro intento didascalico per insegnare ai fedeli gli episodi della Bibbia attraverso un metodo “a immagini” che ricorda gli attuali disegni a fumetti. Nell’affresco, che narra episodi della vita di San Giovanni Battista, c’è la mano di un grande maestro che con una eleganza ed una espressività uniche coniuga l’efficacia rappresentativa del Medioevo con la bellezza dei canoni stilistici del Rinascimento. Non a caso è stato fatto il nome dell’eugubino Ottaviano Nelli, pittore tardogotico attivo in Umbria e nelle Marche.

QUADRERIA DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FANO

La Quadreria è situata presso la sede della Fondazione Carifano nel Palazzo Malatestiano. Il primo piano ospita  la "Sala dei Ritratti" che comprende tredici dipinti, di cui sette di Carlo Magini, tre di Sebastiano Ceccarini e della sua bottega, uno di Jacob Ferdinand Vouet e due di autori ignoti.

Sempre al primo piano la "Sala delle nature morte" accoglie quattordici tele, di cui tredici di Carlo Magini e una della bottega di Sebastiano Ceccarini. Tale corpus artistico rappresenta la più vasta collezione di nature morte maginiane al mondo.

 

 

Mentre, al piano terra è conservata una collezione di opere di produzione locale della fine dell’Ottocento e del Novecento.

MUSEO DELLE SCIENZE NATURALI - PALAZZO BRACCI PAGANI

La Fondazione Cassa di Risparmio di Fano ha acquistato e restaurato lo storico Palazzo Bracci-Pagani in Corso Matteotti n. 97, per destinarlo a centro culturale e artistico.

All’interno, oltre a locali dedicati a ospitare esposizioni artistiche temporanee e strutture bibliotecarie, l’intero piano secondo è stato allestito per accogliere un importante Museo di Scienze Naturali, fino ad ora mancante nella città di Fano.

La collezione comprende circa 5000 pezzi fra fossili e minerali derivanti da donazioni sia del Circolo Castellani che di privati cittadini, di cui circa 2000 raccolti nel corso di decenni da docenti e cultori della materia che verranno esposti all’interno del museo.

La gestione scientifica e quella operativa sono state affidate al Circolo Culturale “G. Castellani” di Fano che conta sull’apporto volontaristico di appassionati della materia per la diffusione delle conoscenze scientifiche e didattiche.

 

Il nuovo Museo ospita una sezione dedicata alla paleontologia con una cronologia della evoluzione della vita sulla terra presentata in modo semplice e didattico ed un'esposizione di collezioni specialistiche. Si potrà visitare un'area riservata alle collezioni di malacologia dove si evidenzia l’evoluzione della vita marina dalle epoche più remote fino ai nostri giorni.

Inoltre sono presenti 20 vetrine dove è esposta la raccolta mineralogica di provenienza locale e da altre parti del mondo.


MUSEO DIOCESANO: LAPIDARIO E RACCOLTA MUSEALE

Ospita prevalentemente opere di proprietà della Diocesi o provenienti da chiese dismesse o da prestiti in comodato. Situato negli ambienti dell’ex Pontificio Seminario Regionale è suddiviso in sue sezioni: Lapidario e Raccolta Museale. La prima accoglie un campionario di reperti epigrafici, ornamentali e figurativi ed una raccolta di stemmi di vescovi fanesi.

 

La Raccolta Museale invece propone opere di interesse storico, artistico e liturgico come reliquiari, crocifissi scolpiti in legno e dipinti, tele di scuola veneta, statue lignee e paramenti, nonché un pastorale in avorio, dono di Pio V.

MUSEO ETNICO BAGNARESI - PALAZZO MALATESTIANO

Il Museo Etnico Bagnaresi è situato presso la sede della Fondazione Carifano nel Palazzo Malatestiano. Si tratta di un museo etnico di genere internazionale nato grazie alla donazione, da parte dalla signora Maria Teresa Bagnaresi, di una preziosa e unica collezione di opere d’arte, artigianato e di interesse multietnico raccolte in oltre quarant’anni di viaggi in tutti e cinque i continenti che documenta una vastissima gamma di culture profondamente legate alle tradizioni, al territorio e alla vita.

L’esposizione è composta dai più disparati prodotti dei maestri artigiani indigeni appartenenti soprattutto all’estremo oriente e all’Africa, anche se non mancano elementi provenienti da Australia, Americhe ed Europa. Sono complessivamente esposti oltre 2.600 oggetti tra maschere, presepi, statue, scatole, avori, porcellane cinesi, lacche, armi da taglio, oggetti in pietra, gioielli, argenti, oggetti in bronzo e rame, bastoni, piattelli, cesti, gerle, ecc.